Mole per rettifica

Mole per rettifica: nuova divisione di prova

Al giorno d’oggi in molti campi dell’industria grafica e tessile viene impiegata un’ampia varietà di cilindri con anima in acciaio e rivestimento in gomma.

Questi cilindri vengono utilizzati in diversi processi di stampa offset e di deviazione.
La qualità superficiale richiesta e la precisione di concentricità rientrano nel campo di pochi centesimi di millimetro.

Normalmente questo grado di precisione viene raggiunto tramite una lavorazione in due stadi.
Il primo stadio consiste in una convenzionale operazione di tornitura o di fresatura per le quali, sino ad oggi, sono stati impiegati utensili in acciaio o in HSS. Il successivo processo di finitura, o di ultima lavorazione, si effettua normalmente tramite una lavorazione di rettifica in tondo.

La tornitura avviene su un tradizionale tornio parallelo, dove, invece di un utensile brasato o di uno con inserto a fissaggio meccanico, viene utilizzato un cosiddetto anello di tornitura (fig.1).
La forma ad anello da una parte favorisce il buon deflusso dei lunghi trucioli e dall’altra contraddistingue il sistema per il vantaggio che offre e cioè che, dopo l’arrotondamento per usura della parte di tagliente in presa, l’anello può essere ruotato di quel tanto da poter mettere in presa la seguente parte affilata del tagliente.

Oltre alla soluzione di tornitura tramite anelli, per la prelavorazione viene utilizzato anche un altro sistema di utensili. Viene infatti utilizzato un utensile di fresatura che ha perlomeno due anelli di metallo duro.

In questo caso il cilindro in gomma, ruotando, si sposta verso la fresa.
Il grosso vantaggio di questo utensile di fresatura in metallo duro è che dà un truciolo corto e controllato.

Inoltre con questo utensile di fresatura si riesce a raggiungere una rugosità superficiale molto spinta ed un valore di concentricità molto basso, cosicché l’operazione conclusiva di rettifica può essere significativamente accorciata.

Diametal AG produce questi anelli di fresatura e di tornitura utilizzando qualità di metallo duro che, per le loro caratteristiche, si adattano perfettamente ad entrambi gli utilizzi sopra descritti.

Nel processo di fabbricazione queste qualità micrograna permettono di raggiungere il necessario grado di affilatura ottimale del tagliente, eliminando praticamente anche la più piccola frastagliatura del tagliente stesso.

Con le operazioni sopra descritte si è riusciti non solo a ridurre in modo significativo il sovrametallo da asportare in rettifica, a ridurne cioè la durata e quindi i costi, ma anche a garantire un processo di lavorazione più sicuro.

In concreto più sicuro significa che non vi è più il pericolo di fermo macchina per sostituzione utensile dovuta ad improvviso cedimento del tagliente, causa scheggiature.
Diverse prove di durata effettuate presso i nostri clienti hanno mostrato che gli utensili in metallo duro Diametal possono raggiungere una durata di lavoro fino a 20 volte rispetto ai tradizionali utensili in HSS.

 Volentieri siamo a disposizione per mostrarvi la possibilità di utilizzare, anche nei vostri impieghi, utensili nella qualità ottimale di metallo duro e di farne così aumentare significativamente la durata.

 

Events

Non abbiamo eventi nel prossimo futuro.